Fotovoltaico: l'Italia seconda nel mondo, ma...

Scritto da: -

FV_regioni_numero_31-8-2010.JPG

Oggi vi segnalo un importante post di Beppe Caravita, dal titolo “Chi ha paura del fotovoltaico?”. Mi piace perché dà la stura ad un sacco di belle illazioni. Dice Beppe:

Il fotovoltaico diffuso e a massa critica, per sua natura, spiazza (e toglie extra-profitti) alla produzione elettrica di picco (e ad alto rendimento con poca spesa) in gran prevalenza a gas.

Domandiamoci. Chi ha interessi sul gas di picco elettrico? Chi ha quindi davvero interesse a rallentare, fino a che non nuoccia, il nostro “esagerato” fotovoltaico?

Tanti link esplicativi qui, anche se alcuni non li condivido del tutto. Spiegano bene quel mistero, che tanto ci appassiona, sul perché il fotovoltaico sia installato più al nord che al sud. Illazioni a volontà, e vediamo se si riesce ad arricchire la ricerca con altre preziose info.

 

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Fotovoltaico: l'Italia seconda nel mondo, ma...

    Posted by:

    è vero è dimostrato che il fotovoltaico sta tagliando i prezzi di picco nelle ore di maggior consumo in cui entrano in funzione le turbogas in particolar modo nel periodo primaverile le rinnovabili stanno danneggiano i grossi produttori che devono rinunciare ai margini delle ore di punta e avendo già gli impianti attivi riducono la produzione e quindi la reddittività degli impianti termoelettrici il mondo cambia con i piccoli numeri che crescono un po\' alla volta gli incentivi sono enormi ma tutto il paese ne guadagna con il taglio del prezzo massimo di borsa che poi pesa su tutte le bollette, anche dei grandi consumatori industriali consiglio di seguire il sito di qualenergia www.qualenergia.it Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Fotovoltaico: l'Italia seconda nel mondo, ma...

    Posted by:

    ot : FRANCIA , UN\'ALTRA CENTRALE NUCLEARE EPR CHE NON SI FARA\' Aldilà dei proclami, i soldi stan finendo anche per i giganti dai piedi di argilla (Total, Areva, EDF, etc): la centrale EPR da costruire a Penly non sarà mai finita. Cosi come non saranno mai costruite e messe in opera centrali in Italia... http://www.lefigaro.fr/societes/2011/05/04/04015-20110504ARTFIG00456-nucleaire-le-projet-de-l-epr-de-penly-serait-gele.php Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Fotovoltaico: l'Italia seconda nel mondo, ma...

    Posted by:

    Parlando con amici che hanno installato il FV, chi per profonda convinzione dei benefici individuali e collettivi, chi per meri interessi monetari, tutti hanno manifestato stupore per il flusso annuale di energia proveniente da tali impianti. Io mi chiedo quanta potenza fotovoltaica si potrebbe installare, decidendo di dirottare tutti gli investimenti richiesti per una sola centrale nucleare.    Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Fotovoltaico: l'Italia seconda nel mondo, ma...

    Posted by:

    Ma solo io vedo una pagina bianca senza testi ai link di Beppe Caravita? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Fotovoltaico: l'Italia seconda nel mondo, ma...

    Posted by:

    Debora, putroppo non ce la faccio, dopo un estenuante viaggio veronese, a scrivere tutto. Leggi anche i due post successivi, questo era solo il primo della trilogia della storica vittoria del fotovoltaico, fonte troppo misconosciuta. E nonostante l\'attuale governo. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Fotovoltaico: l'Italia seconda nel mondo, ma...

    Posted by:

    anch\'io come #3 Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Fotovoltaico: l'Italia seconda nel mondo, ma...

    Posted by:

    ok ho capito: sul sito di caravita occorre prima cliccare su Home Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su Fotovoltaico: l'Italia seconda nel mondo, ma...

    Posted by:

    Mi associo in toto al post di eco1 Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su Fotovoltaico: l'Italia seconda nel mondo, ma...

    Posted by:

    provate qui http://blogs.it/0100206/2011/05/04.html#a9743   Scritto il Date —