Il World Energy Outlook del 2011, come siamo cambiati

Scritto da: -

Il World Energy Outlook 2011 di IEA, è completamente diverso dallo scorso anno. Il picco? Macché: petrolio come se piovesse

CoverWEO.jpg

La sensazione è che, vista la drammatica situazione in cui versa l’economia mondiale, il World Energy Outlook del 2011 sia stato scritto con la penna rosa. Business as usual, tutto tranquillo, niente di cui preoccuparsi.

Un report, insomma, molto diverso da quello del 2010, di cui avevano tessuto le lodi anche su TOD. Si era diffusamente parlato del picco del petrolio, dedicando all’argomento un intero riquadro, mentre nel 2011 non viene neppure citato e si mostra una produzione in eterna salita fino al 2035. Siamo tornati alla vulgata di qualche anno fa.

E’ impossibile non pensare che tanto ottimismo serva a dare un fittizio equilibrio ai mercati, l’estrazione del petrolio non può aver rovesciato le proprie sorti in appena 12 mesi. Rimane quindi il dubbio sulla vera utilità di questi report.

L’analisi dei dati la trovate sul blog di ASPO, dove gli scienziati sono sicuramente più bravi di me.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Il World Energy Outlook del 2011, come siamo cambiati

    Posted by:

    Ormai e\' diventato inutile anche solo pensare che queste persone stiano facendo un qualche lavoro di utilita\' sociale. Per cui penso sia solo tempo sprecato dedicarsi alla lettura, seppur approssimativa, di tali report. Quello che si evince leggendo in giro, guardando la realta\' dei fatti e parlando con chi e\' impegnato nelle realta\' piu\' disparate, che il tempo stringe.Chi ci comanda, e ormai e\' inutile anche che io mi ripeta per l\'ennesima volta, sa che ha il tempo contato... questione di anni o forse di mesi.... ma deve ribaltare completamente lo stile di vita della gente di tutto il mondo.Da quello che si e\' capito dai loro progetti si hanno 2 tappe importantissime che LORO devono assolutamente raggiungere... e non sbagliare... quella dei 2 miliardi di individui a breve scadenza (penso entro il 2020 o qualcosa del genere...) e quello dei 500 milioni entro al massimo 1 secolo. E per riuscire in questa impresa cercheranno di adottare ogni metodo... Ma non pensate a quei metodi brutali da genocidio di massa... loro difficilmente si sporcheranno le mani.... ...al contrario... ci regaleranno una corda d\'oro massiccio... e saremo noi a mettercela al collo dopo averla sapientemente annodata a forma di cappio. Mi riferisco all\'elettronica... alla cosmesi... agli OGM, alle medicine che ci allungano la vita e/o ci risolvono problemi dovuti a malattie che ignorantemente \"subiamo\" grazie ad altre medicine e cosi\' via.... E poi viene il lavoro... i vizi.... il lusso... l\'illusione di vivere una vita splendida e idilliaca solo perche\' abbiamo 2 macchine, 3 case, 4 smartphone, 5 televisori LCD-HD-3D, 6 settimane di vacanza, (eper chi ha un lavoro...) 7 mila euro di stipendio  medio... ecc... ecc... Tutte queste cose stanno danneggiando il nostro DNA e la nostra integrita\' socio-individuale. Aumentano le malattie che se non curate adeguatamente portano alla morte. Aumentano i casi di suicidio.... quelli di stress... quelli di depressione... e le dipendenze da qualunque cosa sia stato prodotto con la petrolchimica. E cosa accadrebbe se dall\'oggi al domani cessasse la disponibilita\' di petrolio? Semplice... il 50% almeno della popolazione mondiale morirebbe nel giro di qualche annno.... per mancanza di cibo, riscaldamento, trasporti, medicine, energia elettrica, lavoro, svago... ecc... ecc... ecc.... Siamo fottuti. Non c\'e\' alcun dubbio.   Pero\' e\' bello il cappio tutto d\'oro!   Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Il World Energy Outlook del 2011, come siamo cambiati

    Posted by:

    non ho capito..il mondo è in crisi (sopratutto l\'occidente) e gli altri continuano a espandersi e produrre? e poi a chi vendono? e i pozzi come li scoprono col mago Anubi? ancora parlare di crescita? tra qualche tempo anche l\'Italiano Medio (come dice Maccio Capatonda) capirà che c\'è qualcosina che non quadra.. auguri a te Debora e a tutti! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Il World Energy Outlook del 2011, come siamo cambiati

    Posted by:

    Se si prende in esame il rapporto del 1995 (che proiettava fino al 2010) si scopre che l\'anno scorso: Il mondo ha consumato 95 mbpd di petrolio; Si sono prodotti 20314 TWh di energia elettrica (azzeccatissimo); Il barile di petrolio si vendeva a 42 $ (valore reale, già adeguato per l\'inflazione). Il riferimento è sempre lo scenario \"BAU\". Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Il World Energy Outlook del 2011, come siamo cambiati

    Posted by:

    #3: Francesco, puoi cortesemente fornire un link ai dati che hai pubblicato nel tuo commento ? Grazie. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Il World Energy Outlook del 2011, come siamo cambiati

    Posted by:

    @ David: Certo, sono presi nell\'ordine da pag. 24, 39 e 295 del World Energy Outlook 1995 (attenzione, pdf da 31.4 MB); tutti i report più vecchi di due anni sono liberamente scaricabili. Come fattore di conversione ho usato quello ufficiale IEA, 1TWh=0.086 Mtoe; per il calcolo dell\'inflazione mi sono basato su questo sito. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Il World Energy Outlook del 2011, come siamo cambiati

    Posted by:

    Hydraulics: grazie infinite, gentilissimo ! Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Petrolio.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano