Fracking: ora è "partita" anche la Cina

Scritto da: -

Ormai è assodato: la "tecnologgia ce salverà", e sarà quella del fracking. Buonanotte a tutti.

fracking765.jpg

Con gli amici aspisti, per anni ci siamo chiesti quale “tecnologgia ce salverà”. Sapevamo perfettamente che, col calo della produzione di petrolio convenzionale e la sempre maggiore difficoltà a reperirlo (fondo degli oceani, giacimenti polari ecc.), prima o poi il mondo avido di energia facile avrebbe cercato disperatamente di sostituirlo in fretta senza badare alla distruzione dell’ambiente e della nostra salute. Insomma, la “tecnologgia” miracolosa sarebbe stata tutt’altro che verde.

I candidati migliori alla sostituzione sono sempre stati il nucleare ed il carbone, magari col centenario metodo Fischer-Tropsch. Invece, il “genio” umano continua a sorprenderci: sembra proprio che la “tecnologgia” che “ce salverà”, quella distruttiva naturalmente, sarà il cinquantenario fracking.

Dopo l’esplosione statunitense e il probabile “libera tutti” europeo, infatti, ecco che arriva il colosso cinese.

Da RigZone:

La Cina ha 354 miliardi di barili di petrolio di scisti, secondo stime del 2008. Ma ne ha prodotti finora solo 7,6 milioni di barili.

Ah, le stime! Pur di avere i permessi, si stimano miliardi di barili anche nell’orto della nonna.

Il bacino è quello di Santanghu, e sarà sviluppato da PetroChina insieme alla Shell e alla Hess Corp. Insomma, sembra proprio che sarà il fracking quella famigerata tecnologia miracolosa. Con tutto quel che ne consegue in termini di inquinamento, distruzione del territorio, delle falde acquifere e della nostra salute. Ammettiamolo: stavolta il genio umano avrebbe potuto fare un piccolo sforzo in più.

Foto - Photopin

Segui Petrolio su Facebook

Seguimi su Twitter

LINK UTILI

Fracking: quei piccoli sporchi segreti tenuti nascosti

Matt Damon: arrive “The Bourne Fracking”

Crisi gas: Passera sogna di aumentare la produzione

Vota l'articolo:
3.86 su 5.00 basato su 58 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Fracking: ora è &quote;partita&quote; anche la Cina

    Posted by:

    dopo la disaster economy, arriva semplicemente il disaster. Un po\' come far camminare il treno bruciando i vagoni, peccato che qui non abbiamo un obiettivo da raggiugere e poi fermarci, in teoria dovrenmmo cercare di andare avanti nel futuro per secoli e secoli, con queste tecniche ci fermeremo molto prima della fine di questo. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Fracking: ora è &quote;partita&quote; anche la Cina

    Posted by:

    Tranquilla Debbie, che il 70% di quel che guadagni, lo stato lo spende bene per risolvere i problemi.Et voilà:https://i.chzbgr.com/completestore/12/12/4/E4mrZX044kGtBxAkhUY2Dw2.jpgEcco, a posto così. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Fracking: ora è &quote;partita&quote; anche la Cina

    Posted by:

    354 miliardi di barili sono davvero tanti.....mi chiedo come cavolo fanno a tirare fuori numeri così enormi.... Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Fracking: ora è &quote;partita&quote; anche la Cina

    Posted by:

    basta usare l\'immaginazione e non avere senso della misura. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Fracking: ora è &quote;partita&quote; anche la Cina

    Posted by:

    http://oilprice.com/Latest-Energy-News/World-News/The-Cover-Up-E-mails-Show-BP-Lied-to-Authorities-on-The-Deepwater-Horizon-Spill.html... se non lo avevi già notato... saluti Scritto il Date —