Carbone: energia a basso costo, a tutti i costi

Scritto da: -

Milleduecento nuove centrali a carbone in tutto il mondo. A caccia di energia a basso costo, si rischia grosso.

battersea1.jpg

Milleduecento nuove centrali a carbone in tutto il mondo entro i prossimi anni. Avete letto bene: 1200. Anch’io stentavo a crederlo, quando ho visto l’articolo del Fatto Quotidiano che ha fatto il giro della Rete e che vi invito a leggere.

10
10

Catastrofe climatica assicurata, avverte il World Resources Institute, ma l’allarme cade nel vuoto: l’importante, per i super-produttori, è garantirsi energia a basso costo.

Ecco il motivo, sempre quello. Malgrado i proclami entusiastici, l’intero pianeta è consapevole che la pacchia del petrolio a basso costo è finita, e che se si vuole continuare a sprecare energia come se nulla fosse è indispensabile ricorrere a sistemi inquinanti. Da qui il rinnovato entusiasmo per le centrali a carbone, o per il terribile fracking, un altro sistema inquinante e disperato per spremere petrolio persino dalle rocce. O sangue dalle rape.

Anche se si punta sulle rinnovabili, quel 30 o 40% che si riuscirà (con molto impegno) a raggiungere nei prossimi 10 anni non sarà in grado di compensare il calo di produzione petrolifera, e in particolare l’uso ancora obbligato del petrolio per i trasporti. Così, è caccia alle alternative: le più economiche ovviamente, che sono sempre le peggiori.

Forse dovremmo noi consumatori finali essere i primi a lanciare un segnale diminuendo i nostri consumi energetici, a cominciare dagli sprechi. Ma non basterebbe: industria, produzione e PIL hanno bisogno di enormi quantitativi di energia a basso costo. E l’unico modo per vederne calare il fabbisogno energetico, è una crisi globale. Uh, ma cosa ho detto?

(I commenti sono disattivati per motivi tecnici)

Foto - Pink Floyd, Animals

Segui Petrolio su Facebook

Seguimi su Twitter

LINK UTILI

Consumi: l’incredibile ascesa del carbone in Asia

Inquinamento carbone: la compagnia che compra le case dei morti

Titanic: così affondò l’era del carbone

Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 6 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Carbone: energia a basso costo, a tutti i costi

    Posted by:

    appunto debora sono con te colpa nostra dei consumatori che sperperiamo troppa energia e andiamo dall\'azienda che c\'è la propone al minor prezzo,ma a quale costo? se vogliamo in inverno 40° e in piena estate 20° con condizionatori al massimo non possiamo lamentarci questa energia in qualche modo bisogna produrla! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Carbone: energia a basso costo, a tutti i costi

    Posted by:

    E\' una bufala. Non sempre il carbone è più conveniente tra le forme di produzione d\'energia, anzi spesso è solo per utilizzare incentivi per le miniere di carbone. Se la miniera è vicina e da ottimo carbone è conveniente se no costa di più del Petrolio.Ciao. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Carbone: energia a basso costo, a tutti i costi

    Posted by:

    Nel frattempo, sono saltate fuori evidenze scientifiche che nei mari del sud vicino all\'antartico, il fronte biologico di acidita\' oceanica sta\' risalendo. In pratica, l\'acqua e\' troppo acida e dissolve i gusci delle conchiglie. Questa e\' una notizia che mi da\' gli incubi peggio di un nuovo conflitto mediorientale.Non ci vuole un genio per capire che cosa succederebbe se davvero i molluschi dovessero cominciare a smettere di sintetizzare il carbonio nei loro gusci. Forse l\'Etrusco non si e\' ancora svegliato, ma certo si sta agitando nel sonno. http://edition.cnn.com/2012/11/26/world/dissolving-sea-snails/index.html Scritto il Date —